Verifiche Impianti Elettrici

Le aziende che hanno almeno un lavoratore dipendente, ai sensi del DPR 462/01 hanno l'obbligo di effettuare la verifica di sicurezza dell'impianto elettrico e di messa a terra.
Verifiche Impianti Elettrici
Verifica Impianto elettrico
Verifica DPR462-01

Con il termine di verifica periodica dell’ impianto elettrico o dell’ impianto di protezione contro le scariche atmosferiche si intende una procedura ispettiva finalizzata ad accertare la sicurezza  dell’impianto mediante la rispondenza alle norme di riferimento ed in particolare al D.M 37/2008 ex legge 46/90. Lo stesso articolo 86 del  D.Lgs. 81/2008 obbliga  il datore di lavoro affinché gli impianti elettrici e gli impianti di protezione dai fulmini siano periodicamente sottoposti a controllo secondo le indicazioni delle norme di buona tecnica e la normativa vigente per verificarne lo stato di conservazione e di efficienza ai fini della sicurezza ai rischi elettrici.

HAI QUALQUE DOMANDA ?

Invia una richiesta o una domanda da porci, contattaci telefonicamente o contattaci a mezzo mail. Provvederemo a risponderti nel più breve tempo possibile.

Le domande più frequenti

No, la verifica periodica, da effettuare ai sensi del DPR 462/2001, è obbligatoria esclusivamente per i luoghi di lavoro ove siano impiegati lavoratori dipendenti, al fine di garantire la sicurezza dei rischi elettrici ai sensi e per gli effetti dell’art. 80 del D. Lgs. 81/2008 smi.

La periodicità delle verifiche dell’impianto elettrico è in genere 5 anni, ma  diventa obbligatoria per legge ogni 2 anni, nei casi di luoghi di lavoro a maggior rischio elettrico e precisamente: nei luoghi con rischio incendio o di esplosione assoggettati al rilascio del certificato di prevenzione incendi (CPI), nei luoghi medici e sanitari in cui vengono utilizzate attrezzature elettromedicali applicate ai pazienti, nei luoghi in cui coesistano impianti di alta tensione e bassa tensione per finire ai cantieri temporanei e mobili.

In primo piano
Inserisci qui la pubblicità della tua azienda.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn